EVENTI

Il mondo fluttuante di Hokusai, Hiroshige e Utamaro in mostra a Palazzo Reale, Milano

Tra le mostre in chiusura a Palazzo Reale a Milano voglio segnalarvi in extremis – dal momento che è aperta solo più la prossima settimana - quella dedicata all’arte giapponese ed in particolare a tre maestri, Katsushika Hokusai, Utagawa Hiroshige e Kitagawa Utamaro, famosi per la tecnica dell’ukiyo-e, ovvero una xilografia policroma ottenuta per impressione mediante matrici di legno, tipica del periodo Edo.
Benedetta Bodo di Albaretto • Domenica, 22 Gennaio 2017 10:23
 

L’arte di sentire, pensare, immaginare. Doug Aitken al Moca di Los Angeles

Da circa tre decadi Il Museum of Contemporary Art di Los Angeles - per gli addetti ai lavori semplicemente il Moca - è il museo di arte contemporanea di riferimento nella città degli angeli, il primo ed unico museo di L.A. voluto da artisti e da questi finanziato attraverso donazioni e, negli anni a venire, da acquisti notevoli. La collezione di Barry Lowen, il consistente nucleo di espressionismo astratto e Pop Art raccolti da Giuseppe Panza di Biumo, i disegni e le stampe di Marcia Weisman e il nucleo di opere di Rita e Taft Schreiber sono il cuore pulsante di una raccolta che comprende circa settemila pezzi realizzati dagli anni Sessanta ad oggi.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 07 Gennaio 2017 10:27
 

Alex Da Corte alla corte di Andy Warhol. Un dialogo in mostra all’HEART di Herning, Danimarca

Il Museo di Arte Contemporanea di Herning, meglio noto con il suggestivo acronimo HEART, è un centro d’arte inaugurato nel 2009 nella penisola dello Jutland, in Danimarca. In realtà il museo venne fondato nel 1977, ma trent’anni dopo è stato spostato in un edificio nuovo di zecca e soprattutto sviluppato su 5.600 metri quadrati progettati dall’architetto americano Steven Holl.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 31 Dicembre 2016 11:32
 

Eastwest - Il nuovo numero

Dal 2 gennaio in edicola, in libreria e in digitale il nuovo Eastwest.
redazione • Giovedì, 29 Dicembre 2016 17:12
 

Icone dell’arte moderna tra Mosca e Parigi. La collezione Shchukin alla Fondation Louis Vuitton

A due anni dalla sua grandiosa inaugurazione, la Fondation Louis Vuitton torna a far parlare di sé. Non per l’audace struttura progettata da Frank Gehry, prima vera meraviglia della collezione Vuitton. Neanche per l’ambientazione suggestiva, immersa tra le piante frondose e gli specchi d’acqua del Jardin d’Acclimatation, un’oasi dove il dialogo tra arte e natura non solo è invogliato, ma armonioso e proficuo, stando ai primi risultati presentati al grande pubblico. Nemmeno per l’accrescersi di un’imponente collezione permanente, supportata da importanti commissioni artistiche e da numerosi eventi multidisciplinari, con una predilezione per quelli musicali. Invece farà parlare di sé almeno fino al 20 febbraio 2017, grazie all’eccezionalità della mostra in calendario e al colpo di scena durante l’inaugurazione autunnale della stessa, disertata dall’ospite d’onore, il presidente Putin.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 17 Dicembre 2016 09:00
 

L’arte contemporanea come feticismo. Monica Bonvicini al Baltic di Gateshead, UK

Inaugurato nel 2002, il Baltic centre for contemporary art è il fiore all’occhiello del lungofiume di Gateshead ed è conosciuto per essere una vera e propria fabbrica dell’arte, la più grande del Regno Unito dati i suoi 2600 mq. Realizzato in vecchio deposito del grano in disuso, negli ultimi quindici anni il Baltic ha accolto il lavoro di circa 350 artisti provenienti da oltre 50 paesi, organizzando quasi 200 mostre nei quattro piani a disposizione.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 26 Novembre 2016 10:54
 

Dibattito aperto sull'importanza della riforma costituzionale

L’IMPORTANZA DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE“Vorrei essere l’ultimo Presidente del Consiglio a chiedere la fiducia in quest’Aula”. Primo discorso del nuovo capo del governo al Senato nel 2014.
redazione • Venerdì, 25 Novembre 2016 12:18
 

Masterclass in Giornalismo d'inchiesta

The Post Internazionale in collaborazione con LUISS Guido Carli e LIMES  organizza una Masterclass in Giornalismo d'inchiesta presso la Fondazione Besso, in Largo Torre Argentina 11, a Roma.
redazione • Mercoledì, 16 Novembre 2016 11:59
 

Eastwest - Il nuovo numero

Da oggi, 2 novembre, in edicola, in libreria e in digitale il nuovo Eastwest.
redazione • Mercoledì, 02 Novembre 2016 08:09
 

Un graffio di vita. Jean-Michel Basquiat in mostra al Mudec di Milano

ll Museo delle Culture di Milano è stato concepito all’inizio degli anni Novanta, immaginato come un’occasione di rinascita per la zona ex industriale dell’Ansaldo, un luogo dove le fabbriche dismesse e gli immensi spazi a disposizione potessero diventare fucina di idee per una nuova contemporaneità. In questo senso, non esiste uno spazio più adatto ad ospitare una grande mostra dedicata ad un artista molto legato al contesto urbano, industriale e della strada.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 29 Ottobre 2016 15:47
 

Lucian Freud Project all’Irish Museum of Modern Art di Dublino

L’Irish Museum of Modern Art ha trovato la sua sede ideale nell’antico Ospedale Reale di Kilmainham, edificato nel XVII secolo e ristrutturato dal 1984 al 1990, quando è divenuto la culla irlandese dell’arte contemporanea. L’esposizione permanente di oltre 1.650 opere d’arte irlandesi e internazionali fa da cornice a importanti iniziative legate al panorama contemporaneo che più influenza il nostro secolo, infatti non è un caso che l’IMMA si sia assicurata un prestito quinquennale di cinquanta opere firmate Lucian Freud, considerato uno dei più grandi pittori realisti del XX secolo.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 22 Ottobre 2016 10:00
 

Thomas Schütte al Modern Museet di Stoccolma

Thomas Schütte – artista tedesco classe 1954, da anni di casa a Düsseldorf - fece il suo ingresso nel mondo dell’arte contemporanea negli anni Settanta, dopo un periodo di formazione che lui stesso definì privilegiato, visti gli insegnanti che lo guidarono, Gerhard Richter, Günther Uecker, Bernd e Hilla Becher, solo per citarne alcuni.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 15 Ottobre 2016 10:00
 

From her wooden sleep...Ydessa Hendeles al Museum of Art di Tel Aviv

Ydessa Hendeles è uno e mille personaggi, una e mille storie.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 08 Ottobre 2016 11:29
 

Americani di Mamet in scena al Teatro Eliseo a Roma

“Non siamo mica americani!”, esclama l’agente immobiliare Daniele Sonnino, vecchia guardia e vecchi metodi, quelli coi quali “si vendeva l’Olgiata”, ai tempi in cui “con l’ufficio stavamo ancora sulla Nomentana”, parlando con il braccio esecutivo dei capi, freddo, burocratico, Master in consulenza aziendale e una preziosa cartellina divisa in due parti: la lista A, i contatti buoni, i clienti facoltosi, gli acquirenti potenziali, e la lista B, gli scarti, quelli con gli assegni scoperti, che la villetta a schiera o la casa al mare possono solo immaginarle.
Davide Vannucci • Domenica, 02 Ottobre 2016 10:22
 

Una vita per la pittura, Carmen Herrera al Whitney Museum of American Art di New York

“Ho vissuto una vita tranquilla, facendo quello che amo fare, dipingere. Da quando sono diventata famosa, la mia vita è un inferno”. Parola di Carmen Herrera, artista cubana novantacinquenne, da una manciata d’anni divenuta una delle stelle del panorama contemporaneo internazionale.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 01 Ottobre 2016 09:45
 

Allora & Calzadilla, un anno di Puerto Rican Light (Cueva Vientos), Porto Rico

Il 23 settembre 2015 la Dia Art Foundation, prestigiosa istituzione americana nata negli anni Settanta per offrire la possibilità ad artisti visionari e performer di realizzare le loro opere più audaci - specie su larga scala – ha inaugurato un nuovo progetto, dal titolo Puerto Rican Light (Cueva Vientos).
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 24 Settembre 2016 09:53
 

L’energia di una situazione, lo spazio per l’azione. Giovanni Anselmo al Castello di Rivoli

Trentadue anni fa i portoni del Castello di Rivoli si aprirono per la prima volta ad artisti e visitatori, accogliendo mostre e personalità che hanno segnato per sempre il panorama dell’arte contemporanea italiana e internazionale. Fra questi spicca il nome di un artista che si è da subito distinto per la sua ricerca della forza vitale insita nei materiali, e per la sua volontà di rendere tale energia manifesta attraverso interazioni sempre nuove.
Benedetta Bodo di Albaretto • Sabato, 17 Settembre 2016 09:59
 

Il maestro del realismo giapponese Domon Ken in mostra a Roma

Galeotto fu l'annuncio: il 10 ottobre 1935 un giovane apprendista chiamato Domon Ken rispose alla richiesta di un tecnico fotografo dello studio Nippon Kobo di Ginza, fondato da Natori Yōnosuke, che stava diffondendo per la prima volta in Giappone i concetti di editing e reporting, nonché un nuovo sistema di produzione basato sulla collaborazione tra fotografo e grafic designer, sotto la supervisione di un art director. In una parola, le fondamenta del moderno foto-giornalismo.
Davide Vannucci • Sabato, 03 Settembre 2016 10:20